SICILIA

Bancarotta da 600mila euro, la Gdf sequestra azienda di Aci S. Antonio


Eseguito provvedimento disposto dal Gip di Catania a seguito di indagini delle Fiamme Gialle che hanno portato a ricostruire le circostanze del dissesto finanziario e patrimoniale di un’impresa che operava nel settore della fabbricazione di carta

CATANIA – La Guardia di Finanza di Catania ha sequestrato, su disposizione della Procura etnea, un’azienda del valore complessivo di oltre 2,3 milioni di euro nata dopo il fallimento della Scia s.a.s., società di Aci Sant’Antonio (Catania) che operava nel settore della fabbricazione di carta dichiarata fallita nel 2017 dal Tribunale di Catania per circa 2 milioni di euro di debiti insoluti. I soci della Scia sono indagati per bancarotta fraudolenta patrimoniale: prima della messa in liquidazione della società avrebbero sottratto all’impresa e occultato un attivo patrimoniale di circa 600.000 euro utile a soddisfare i creditori commerciali e l’Erario.

Il provvedimento di sequestro, emesso dal Gip, scaturisce dagli esiti di indagini della Tenenza della Guardia di Finanza di Acireale che hanno evidenziato alcune anomalie durante la procedura concorsuale ed una carente documentazione contabile relativa all’attività d’impresa esibita dal rappresentante della società fallita. Le indagini hanno evidenziato che la società era riconducibile allo stesso nucleo familiare di quella fallita. In particolare è stata accertata la fraudolenza di un contratto di affitto di azienda stipulato dagli indagati, attraverso il quale, per preservare la continuità aziendale nel rispetto degli interessi dei creditori, la Scia s.a.s. ha trasferito la disponibilità dell’intero impianto di produzione comprensivo dei macchinari alla società oggi sequestrata.

Secondo quanto accertato, il canone di locazione convenuto nel contratto non solo era incongruo rispetto al valore dei beni affittati, ma non era nemmeno mai stato corrisposto. Secondo gli investigatori l’operazione sarebbe stata fatta al solo fine di mantenere illecitamente la concreta disponibilità dei beni della società in dissesto, sottraendoli all’asse fallimentare e quindi ai creditori.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link

Post Comment