SICILIA

Messina, De Luca assolto anche in appello per l'”affaire” Fiumedinisi


E quindi resta sindaco perché il prosciolgimento evita di applicare la legge Severino

La corte di Appello di Messina ha confermato la sentenza di primo grado e ha assolto il sindaco di Messina Cateno De Luca dai reati di abuso d’ufficio e falso, prescritta la tentata concussione.

La sentenza riguarda, vicende risalenti agli anni tra il 2004 e il 2010. Nel mirino degli inquirenti i lavori di costruzione di un albergo a Fiumedinisi con centro benessere, ad opera della Dioniso srl.

Oltre all’albergo anche 16 villette e la realizzazione di un muro di contenimento del torrente Fiumedinisi, tutte opere che secondo l’accusa avevano favorito società dell’allora sindaco di Fiumedinisi, Cateno De Luca. Le indagini erano partite a seguito di un esposto e avevano portato all’arresto di De Luca nel giugno del 2011. Essendo stato assolto De Luca rimane sindaco perché non è stato condannato per i reati per i quali si applica la legge Severino. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link

Post Comment