SICILIA

Palermo e i cavi che deturpano la Cattedrale: «Sono lì da più di 50 anni»


Monsignor Filippo Sarullo: «Quel cablaggio c’è dai tempi del cardinale Ruffini, morto nel ’67. Ma ora sarà rimosso»

Una foto della Cattedrale di Palermo postata sui social ha scatenato polemiche. Si vedono i cavi che dal soffitto si incuneano in un angolo della parete. Un cablaggio esterno che secondo tanti deturpa la chiesa. «E’ una polemica stupida – dice monsignor Filippo Sarullo – Quel cablaggio c’è dai tempi del cardinale Ruffini (morto nel ’67, ndr). I cavi sono lì in una zona nascosta della chiesa e saranno presto rimossi. Si va a guardare quei cavi e non si dice nulla sul lavoro che ho svolto in questi anni per far rinascere una delle chiese più belle di Palermo».
«Anche per me quei cavi sono una ferita. Chi ha fatto i lavori avrà pensato più all’efficienza che al decoro del monumento. Fortunatamente – conclude – questa ferita scomparirà, grazie ai lavori conservativi che partiranno a breve. Spero tanto che la grande condivisione mediatica delle pagine social di questa fotografia sia seguita da altrettanta partecipazione alle tante attività della nostra parrocchia».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link

Post Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: