ITALIA

Prima 41°, poi il crollo



CRONACA





Prima 41°, poi il crollo


Alta pressione al massimo con temperature destinate a toccare ancora una volta picchi anche superiori ai 40°C in alcune zone del Paese. Tutto unito ad un elevato tasso di umidità. “Fortunatamente, un provvidenziale crollo del termometri si intravede già all’orizzonte” fanno sapere gli esperti del sito ‘IlMeteo.it’, comunicando che “il grande caldo africano avvolgerà ancora tutta l’Italia con temperature prossime ai 40°C, come nelle aree interne della Sardegna e della Puglia, e fino a 41°C in Umbria, come a Terni. Clima bollente altresì sul resto del Paese. Al sud spiccheranno i 38°C di Benevento e di Bari. Sul resto del Centro termometri fino a 37° a Roma e Firenze; e salendo verso Nord su gran parte dell’Emilia come a Bologna, Ferrara, Forlì e Cesena sotto l’afflusso bollente dei venti di Garbino”.


Ma è imminente un cambiamento, avvertono gli esperti: “Da martedì l’ingresso d’aria più mite di origine atlantica comincerà a spingere verso latitudini più meridionali la bolla africana calda e irrespirabile. Caleranno le temperature al Nord e marginalmente al Centro. Tuttavia, il vero cambio della circolazione si attiverà tra mercoledì e il giorno di Ferragosto, quando tutto il Paese tornerà a respirare un clima decisamente diverso, nettamente meno caldo e soprattutto più salubre con temperature che potranno calare anche di oltre 10°C rispetto a questi giorni”.




RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.






Source link

Post Comment