SPORT

“Servono regole precise o non si cambia”



SPORT





Totti contro il razzismo: Servono regole precise o non si cambia


Sono 30 anni che sono nel calcio e si dicono sempre le stesse cose. O ci sono regole ben precise o cambiamenti non ce ne saranno e non si riuscirà a prendere quei pochi dementi che fanno sempre le stesse cose”. Così Francesco Totti, ex capitano della Roma, si esprime ai microfoni di Sky sulla piaga del razzismo nel mondo del calcio dopo l’ultimo episodio dei ‘buu’ discriminatori rivolti al rossonero Kessie durante Verona-Milan.


Riguardo i primi risultati della Roma di Fonseca, l’ex capitano ha detto: “Un po’ tutti ci auguravamo questa prima vittoria perché non riuscirci dopo tre giornate avrebbe significato l’inizio di una mini-crisi. Siamo ancora all’inizio del campionato e tutto può succedere, ma con questa prestazione abbiamo rimesso le cose un po’ in chiaro. Se giocano così tutto è più facile”.





Dopo il commento sul primo successo stagionale in campionato contro il Sassuolo, l’ex giallorosso ha esaltato i due nuovi acquisti Veretout e Mkhitaryan, tra i migliori in campo nel match di domenica: “Sono due pedine fondamentali soprattutto per il gioco di Fonseca, daranno un forte contributo e cercheranno di portare la Roma più in alto possibile”. Poi, sul passo falso della Lazio sul campo della Spal, Totti ha concluso: “Inzaghi è un amico, è un bravo allenatore e saprà gestire la situazione e risollevarsi, ma non gli do nessun consiglio altrimenti poi dicono che sono della Lazio”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.






Source link

Post Comment